RSPO incontra Fabio González, CEO di Palmas del Cesar, che condivide i suoi progetti di economia circolare che garantiscono la sostenibilità socioeconomica nella produzione di olio di palma.

Amministratore Delegato di Palmas del Cesare Fabio Gonzalez sui loro progetti pionieristici in Colombia.

Nella Colombia centrale, un’azienda è all’altezza del suo spirito pionieristico diventando la prima nel paese a impiegare innovazioni dell’economia circolare nella produzione di olio di palma. Palmas del Cesare, che è stata la forza trainante che ha guidato il primo gruppo di piccoli proprietari terrieri colombiani verso la certificazione RSPO lo scorso anno, sta ora intensificando i suoi sforzi di sostenibilità abbracciando i principi circolari attraverso un’area di 30,000 metri quadrati impianto di biocompost che trasforma la biomassa industriale in fertilizzante e cattura e trasforma le emissioni di gas metano in biogas per la generazione di elettricità.

"Siamo un'azienda filosoficamente legata alla sostenibilità", condivide Fabio Gonzalez, Amministratore Delegato di Palmas del Cesar. In questa intervista esclusiva con Fabio, RSPO esplora la loro fruttuosa ricerca di innovazioni circolari attraverso un'ingegneria di alto livello e le chiavi della leadership della Colombia in materia di sostenibilità. 

Palmas del Cesar è stato uno dei pionieri della coltivazione della palma in Colombia. Cosa distingue la tua azienda nel settore?

Siamo un'azienda con standard molto elevati. Siamo stati un riferimento per le buone pratiche in tutti i settori della coltivazione della palma in Colombia. Abbiamo ricevuto riconoscimenti per la nostra gestione dei rapporti di lavoro, come la certificazione “Great Place to Work”, importante anche per le nostre persone. Abbiamo anche la Certificazione RSPO, l'accordo con la Deforestazione Zero Fedepalma, e la Certificazione ISCC standard per la nostra impronta di carbonio. 

Qual è l'attuale capacità produttiva di Palmas del Cesar? 

Le nostre coltivazioni si estendono per circa 4,000 ettari, a cui ne abbiamo altri 10,000 con i nostri alleati coltivatori di palma, formando un nucleo di circa 14,000 ettari. I nostri impianti di lavorazione hanno una capacità di 75 tonnellate. Diamo lavoro a circa 750 lavoratori, tra cui 110 donne, molte delle quali capofamiglia. 

Indirettamente, generiamo circa 600 posti di lavoro e i nostri alleati coltivatori di palma ne generano altri 1,500. Formiamo così un nucleo di palme nel sud di Cesar e siamo un motore di sviluppo. La nostra fondazione sostiene le politiche sociali per sette comunità, a beneficio di circa 8,000 persone attraverso vari programmi come Productive Women, iniziative educative per gli anziani e programmi sportivi.  

Qual è stato il tuo primo incontro con l'economia circolare e in che modo si è allineata agli obiettivi di sostenibilità dell'azienda?

Poiché la sostenibilità è qualcosa che per noi è diventato quasi un mantra, la sostenibilità deve essere resa reale con azioni concrete. Non volevamo limitarci a fare un discorso sulla sostenibilità e sulle certificazioni senza affrontare le sfide reali della coltivazione della palma. 

La sfida più grande nella coltivazione della palma in termini di equilibrio ambientale è la gestione delle migliaia di tonnellate di biomassa prodotta. Circa sei anni fa, abbiamo partecipato a PIPOC Congresso in Malesia, dove lo slogan era: “La biomassa è oro”. Esistono molte opportunità per migliorare le condizioni ambientali e anche per fare in modo che la sostenibilità generi reddito per l’imprenditore. 

Intraprendere questi progetti richiede molte risorse, ma sono anche molto gratificanti perché restituiscono tali risorse. L’economia circolare prevede il prelievo di biomassa, l’aggiunta di valore ad essa e, in alcuni casi, la restituzione alla coltivazione o la conversione in kilowatt di energia per produrre elettricità. Soddisfa obiettivi sia ambientali che sociali riducendo l’impronta di carbonio, affrontando le questioni legate al clima e fornendo opportunità di reddito.

Potresti parlarci delle tue iniziative di economia circolare?

Abbiamo realizzato due fronti di progetto: uno è un gigantesco impianto di bio compost con enormi serre, di 30,000 metri quadrati, dove depositiamo la biomassa solida dell'impianto industriale, che comprende grappoli e biomasse più piccole come bucce e ceneri. Attraverso un processo standardizzato e controllato in condizioni molto pulite, trasformiamo questa biomassa in compost in 40 giorni. Questo compost migliora il suolo e fornisce nutrimento alla palma, esemplificando una perfetta economia circolare.

Inoltre, l’impianto industriale produce molti effluenti, il che rappresenta una sfida enorme poiché rilascia circa 60,000 tonnellate all’anno di effluenti da oleifici di palma (POME). Normalmente questo viene gestito con sistemi di trattamento del POME, ma emette nell’atmosfera gas metano, che è un gas serra. Lo catturiamo utilizzando coperture e lo elaboriamo o, nella fase successiva, generiamo elettricità con motori alimentati da questo biogas. 

Con il compost produciamo 20,000 tonnellate all’anno per le nostre colture e con il biogas genereremo otto milioni di kilowatt da vendere alle reti di energia rinnovabile.

Si tratta di due progetti di punta che speriamo incoraggino altri stabilimenti nella regione a seguire come esempi di economia circolare. Molti, infatti, stanno già lavorando a progetti simili, contribuendo in modo significativo all’agricoltura e all’ambiente. Anche gli stabilimenti vicini sono certificati RSPO e molto impegnati nella sostenibilità. Siamo fieri pionieri nella regione, essendo i primi a produrre kilowatt e avendo implementato quest’anno la produzione di compost.

Da dove viene prelevata la biomassa?

La biomassa viene prodotta nell'impianto industriale durante la lavorazione. L'altra biomassa comprende le foglie della coltivazione, che utilizzano nelle pratiche agricole sviluppate da Cenipalma. Il fogliame viene lasciato sul terreno, che costituisce anche una biomassa importante. Possiamo anche vendere il compost che produciamo per migliorare i raccolti.

Quali sono state le maggiori sfide nel facilitare le vostre iniziative di economia circolare?

Si tratta principalmente di ingegneria di alto livello: questi progetti richiedono competenze e devono essere eseguiti molto bene dal punto di vista tecnico a causa di rigorose specifiche ingegneristiche. Esistono vari modi per produrre il compost, ma oltre a ciò, il sito deve essere progettato per evitare che i residui contaminino le fonti d'acqua. 

Abbiamo fatto importanti investimenti in ingegneria per progettare il sottosuolo dell’impianto di compost in modo da evitare tale contaminazione. Allo stesso modo, nell’impianto di biogas, dove trattiamo POME e catturiamo metano, la progettazione prevede sistemi complessi e ad alta pressione. La sfida era acquisire una buona ingegneria, studiare a fondo i progetti e ottenere consigli da esperti. 

In qualità di azienda colombiana riconosciuta per le sue innovazioni pionieristiche nel campo della sostenibilità, quali diresti siano le ragioni che spingono la Colombia ad essere essa stessa leader nella sostenibilità?

Fedepalma ha lavorato a lungo per promuovere la sostenibilità tra i coltivatori di palma, sottolineando il modello di sviluppo della Colombia, che prevede il sostegno ad altri attori dell'ecosistema dell'olio di palma per incorporare meglio la sostenibilità nel loro lavoro quotidiano. Ci riferiamo a questi giocatori come “nuclei di palma”. Sono almeno 50 i nuclei di palma attualmente sostenuti da Fedepalma e dal centro ricerche Cenipalma.  

Il modello della palma colombiana ha facilitato la rapida diffusione dei concetti di sostenibilità, portando a una crescita significativa in questo settore. Anche l'Accordo Nazionale Deforestazione Zero di Fedepalma è stato per noi un punto di riferimento.

Come vorresti che crescesse il settore?

Vedo il settore sostenibile della palma conquistare sempre più mercati e dimostrare il suo potenziale per l’equilibrio ambientale e la neutralità del carbonio, persino la negatività del carbonio. È una coltura con un grande potenziale in questo senso. 

Nei prossimi anni, prevedo che l’olio di palma consoliderà la sua posizione in nuovi mercati come gli Stati Uniti e diventerà forte in Europa, nonostante le sfide dell’UE. La coltivazione della palma ha la capacità di trasformare socialmente molte persone perché è una coltura perenne che dura decenni. Le aziende arrivano nelle regioni per restarvi e promuovere lo sviluppo. Ciò aggiunge non solo valore ambientale ma anche sociale, rendendo l’olio di palma un buon prodotto nel mercato globale.

Ottieni Coinvolto

Che tu sia un individuo o un'organizzazione, puoi unirti alla partnership globale per rendere sostenibile l'olio di palma.

Come individuo

Prendi posizione a favore dell’olio di palma sostenibile. Scopri come puoi influenzare marchi e aziende.

Maggiori informazioni sull'azione individuale

Come piccolo proprietario

Scopri come l'utilizzo di pratiche agricole sostenibili attraverso la certificazione RSPO può aumentare la tua resa e altro ancora.

Maggiori informazioni sull'impatto sui piccoli proprietari

Come organizzazione

Ridurre gli impatti sociali e ambientali negativi attraverso la produzione e l’approvvigionamento di olio di palma sostenibile certificato.

Maggiori informazioni sull'influenza dell'organizzazione

Come membro

Accedi rapidamente a risorse, notizie e contenuti importanti per te.

Maggiori informazioni sui contenuti dei membri